Assicurazione Fideiussoria

Secondo le modalità e le condizioni espresse dalle varie compagnie le polizze fideiussorie possono procedere secondo una dinamica e una finalità sempre diversa, eppure la legge le indica come una procedura dove un soggetto garante è tenuto a risarcire di una certa somma di danaro allorché il soggetto debitore non sia riuscito ad adempiere all’obbligazione principale scaturente dal contratto garantito.

È compito del garante, quindi provvedere a risolvere una corrispondenza premiale, stando a quanto dice la polizza fideiussoria, che ammette anche i casi di inesatta adempienza della medesima obbligazione, senza per questo asserire a una prova di invalidità o di inefficacia contrattuale.

Le polizze fideiussorie si presentano perciò come contrattazioni atipiche, rese disponibili a garanzia di un semplice atto assicurativo grazie a una finalità di tipo sociale: si evince da ciò una prassi fideiussoria che costituisce una garanzia a prima richiesta, atta ad accompagnare l’assicurazione fino alla sua scadenza, rintracciabile all’interno dello stesso patto finanziario secondo un accordo preso in sede di stipula.

Le polizze fideiussorie si attivano secondo unadisposizione di tipo giuridica, in cui si sostituisce la cauzione in numerario in virtù della presenza di un terzo che agisce in e per conto del soggetto inadempiente: data la specialità del caso esse sono molto richieste in ambito imprenditoriale, per cui verranno accettate solo se la garanzia risulti avere la medesima efficacia di un deposito cauzionale.

È il caso delle cosiddette polizze a prima richiesta, che nello specifico consentono un trasferimento dei rischi in capo al soggetto garante, in modo che il contraente abbia un’immediata realizzazione della garanzia: le conseguenze verranno perciò imputate solo ed unicamente al primo soggetto, il quale dovrà pagare a prima richiesta per poi ottenere in un secondo momento il giusto rimborso da parte del debitore garantito.

Le polizze fideiussorie possono ritrovarsi anche in supporto alla disciplina commerciale se rilasciate da istituti bancari o compagnie assicurative, secondo le più disparate finalità e prestazioni: allo stesso modo è ivi possibile ritrovare la promessa di pagamento del garante verso un terzo beneficiario, al quale corrisponda però un procedimento di perfezionamento della polizza, in cui si evince la volontà del soggetto obbligato a prestare direttamente la garanzia, senza considerare il consenso del soggetto debitore.

Quindi una polizza fideiussoria può essere vista come un documento probatorio che ammette la sola esistenza della garanzia, a prescindere dalla sottoscrizione del soggetto debitore, in conformità alla massima volontà del terzo in espressione all’effettività dell’atto garantito.

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.