Assicurazioni sanitarie famiglia

family-521551_640Le assicurazioni sanitarie rappresentano una sorta di terza via rispetto al Sistema Sanitario Nazionale. Vengono stipulate sia per coprire spese che il sistema sanitario nazionale non copre sia per integrare le stesse. Sono utili in particolare ai liberi professionisti che possono contare, in caso di incidente, malattia o infortunio, di una diaria ma anche ai dipendenti pubblici che possono avere la copertura, se previsto nel contratto, per spese impreviste (dentista, esami specifici etc).

Perché sottoscrivere una polizza sanitaria famiglia

Se ben ponderate e ben valutate le polizze sanitarie possono rappresentare un bel “polmone” per tutta la famiglia. Esistono infatti specifici pacchetti rivolti a tutto il nucleo famigliare.

I sottoscrittori di una polizza sanitaria possono infatti optare per un contratto familiare che offre una protezione idonea al coniuge ed ai figli. Un’assicurazione sanitaria per tutta la famiglia che tutela e ottimizza l’accesso alle cure sanitarie di tutti i suoi componenti.

Chi ha figli sa bene che purtroppo le spese medico-sanitarie per i bambini possono essere molto costose (dagli apparecchi dentali, ad alcuni farmaci, alle spese dagli ottici, alle consulenze mediche etc). La polizza sanitaria famiglia si pone l’obiettivo di coprire queste spese e, nel contempo, di beneficiare di un notevole risparmio sui premi di polizza che, nel pacchetto famiglia, sono inferiori rispetto ai premi stipulati individualmente per ogni soggetto.

I vantaggi dell’assicurazione sanitaria famiglia

Non sono pochi i vantaggi delle polizze famiglia, intanto il “relax mentale” che ci fa dormire tranquilli rispetto ai tanti imprevisti che potrebbero gravare sul bilancio famigliare e poi troviamo

  • costo più conveniente rispetto all’assicurazione sanitaria individuale.
  • contratti personalizzabili con possibilità di scelta per gli abbonati per il livello di protezione desiderato in base alle esigenze di garanzia.
  • copertura per tutti i componenti della famiglia

Polizza assicurazione salute famiglia: come scegliere?

Innanzitutto occorre distingue le polizze sanitarie tra polizze complete e polizze parziali.

Mentre le prime si occupano di coprire le spese mediche per malattie, infortuni o interventi chirurgici, quelle parziali, invece, riguardano malattie e interventi gravi, indicati nelle condizioni della polizza.

Le polizze sanitarie prevedono tre tipologie di risarcimenti:

  • indennizzo nel caso in cui la malattia abbia provocato invalidità permanente
  • indennizzo su base giornaliera
  • indennizzo per spese mediche sostenute in strutture private.

Nel caso di indennizzo quando la malattia ha provocato invalidità permanente, l’invalidità viene stabilita secondo una tabella di riferimento fornita dal Ministero della Salute; in Italia, le polizze sanitarie per invalidità permanente si attivano per danni superiori del 26%; in questo caso la polizza si definisce completa, perché permette la copertura di tutte le spese necessarie per la cura dell’ammalato.

La seconda tipologia di indennizzo vale per i ricoveri in ospedale, nei casi di convalescenza e post ricovero, ma non copre le spese relative alla degenza domiciliare

Il terzo indennizzo, quello per le spese mediche sostenute in strutture private, permette la copertura delle spese per la cura di malattie in strutture private e specializzate: dal semplice ricovero, all’intervento chirurgico.

I vantaggi economici delle polizze assicurative derivano dal fatto che l’assicurato può ricoverarsi in cliniche private convenzionate, senza pagare nulla in quanto le spese vengono coperte dal premio.

Nel caso in cui, però, l’assicurato dovesse rivolgersi a cliniche non convenzionate, allora, la compagnia risarcirà le spese, applicando uno scoperto del 20% e 30%.

Le assicurazioni sanitarie rimborsano una serie di spese derivanti dalle rette di degenza, dalle spese di fisioterapia, dagli interventi, fino alle cure e ai medicinali necessari.
Le compagnie consentono di coprire anche le spese per di vitto e pernottamento degli accompagnatori dell’ammalato, oltre che per il trasporto in ambulanza dello stesso.
Le assicurazioni sanitarie coprono anche tutte le spese che sono sostenute prima del ricovero (solitamente entro i 90 giorni prima dell’eventuale intervento), come gli accertamenti: le cure e le analisi devono essere pertinenti alla malattia o all’infortunio che ha portato l’assicurato al ricovero ospedaliero. La copertura assicurativa è valida anche per le spese sostenute dopo il ricovero o l’intervento.

La polizza per l’invalidità temporanea, invece, è usata dai liberi professionisti o dai lavoratori autonomi, i quali, non prevedono giorni di malattia durante il loro lavoro annuale.

Uno dei principali punti da valutare attentamente prima di scegliere la polizza sanitaria indipendentemente dal pacchetto è il massimale, ossia la somma più alta che una compagnia può risarcire, nei casi previsti nel contratto assicurativo. Maggiore è il massimale, maggiore sarà il premio da pagare; in particolar modo, valgono queste indicazioni:

  • se il massimale è riferito ad ogni singolo assicurato, la compagnia risarcisce l’ammontare stabilito annualmente, così come gli assicurati sono tenuti a pagare la cifra proporzionale, prevista dal contratto;
  • se il massimale si riferisce al nucleo familiare, il risarcimento (così come il premio da pagare) sarà massimo, indipendentemente dalle persone assicurate, componenti del nucleo familiare;
  • in caso di massimale illimitato, la copertura assicurativa riuscirà a garantire il risarcimento globale di tutte le cure e le spese mediche.

Importanti da valutare anche le modalità di rimborso. Nel caso in cui l’assicurato decidesse di farsi curare all’interno di strutture ospedaliere convenzionate dalla propria compagnia, il rimborso sarà diretto ossia non si dovranno anticipare soldi.
nel caso in cui si decidesse di farsi curare in una struttura non convenzionata, la compagnia potrebbe risarcisce l’ammalato solo in un secondo tempo
Prima di scegliere la polizza sanitaria famiglia adatta alle proprie esigenze, dunque, è indispensabile fare quanto elencato qui di seguito:

  • individuare esigenze di tutti i componenti del nucleo;
  • confrontare più offerte possibili, valutando vantaggi e svantaggi di ognuno;
  • valutare tutti i preventivi, considerando non solo l’entità del premio da pagare, ma anche tutte le garanzie offerte dalla compagnia in particolare i massimali;
  • è sempre consigliabile optare per una polizza sanitaria famiglia a copertura mista e personalizzata.

Polizza sanitaria bambini

Quando si hanno dei figli, è fondamentale assicurare il loro benessere e rispettare le loro esigenze. Nella scelta di una polizza sanitaria famiglia occorre dunque mettere la primo posto proprio loro, i bambini, con un’assicurazione che tenga conto delle diverse possibilità dagli apparecchi dentali alle visite dall’oculista etc.

Come scegliere la polizza per bambini

In linea di massima è opportuno scegliere una polizza che copra le spese dentistiche, le spese oculistiche, ma anche le spese per eventuali infortuni. In linea di massima sarebbe opportuno optare per una copertura assicurativa che copra dalla nascita anche contro gli infortuni, la assicurativa dovrebbe essere completa: a casa, lungo il tragitto per recarsi a scuola e rincasare

La baby sitter per i bambini prevista dalla polizza sanitaria
Ma il benessere dei bambini non si limita “solo” alle cure mediche. Le polizze sanitarie famiglia prevedono anche la tutela dei bambini qualora si verificasse la necessità di badare a loro in assenza dei genitori.
Nel caso in cui i genitori dovessero subire un incidente o dovessero essere ricoverati in ospedale, la polizza di assicurazione sanitaria prevede la fornitura di un servizio di assistenza specifica per il benessere dei bambini.
La difficoltà di reperire persone di fiducia per occuparsi dei bambini in caso di ricovero ospedaliero dei genitori è nota. Occorre dunque, nel caso in cui i genitori non abbiano riferimenti in questo senso (ossia non abbiano persone di fiducia a cui rivolgersi), stipulare un’assicurazione sanitaria che preveda dei servizi di assistenza per bambini.

Ci sono delle polizze sanitarie che prevedono servizi di assistenza specifici per garantire il benessere e la sicurezza dei bambini in caso di problemi di salute. I servizi di assistenza offerti variano da un contratto all’altro a seconda delle clausole contenute, dell’importo dei premi e dai versamenti garantiti dalla stessa. Ad esempio, alcune polizze di assicurazioni sanitarie prevedono se il genitore è ricoverato in ospedale. la bada dei bambini di età inferiore ai sedici anni. E’ importante verificare la durata del servizio di assistenza che può essere limitato nel tempo (per esempio, 8 ore al giorno per un massimo di 3 giorni). Alcuni contratti prevedono anche il rimborso delle spese di trasporto del professionista o della persona che terrà a bada i bambini durante il ricovero del genitore. E’ inoltre possibile avere a casa un insegnante di sostegno scolastico per aiutare i bambini nei loro studi per un periodo limitato e ben definito nel contratto di assicurazione medica.

Assicurazione sanitaria gravidanza

Il meraviglioso periodo della gravidanza dovrebbe essere vissuto nella più assoluta tranquillità e gioia, ma le future mamme sono ben consapevoli che ansie e timori sono all’ordine del giorno, a ciò si aggiungano le onerose spese che spessissimo influiscono in maniera molto significativa nel nostro portafogli.
Per questo motivo è sempre maggiore il numero di donne che scelgono di garantirsi la tutela di un’assicurazione sanitaria durante la gravidanza.

Questa tipologia di polizza integra e completa le tradizionali assicurazioni sanitarie che garantiscono un indennizzo finanziario in caso di ricoveri e convalescenze dovuti a malattie, consentendo alle future madri di avere una copertura per le spese mediche sostenute anche durante tutto il periodo della gravidanza.
Interessante il fatto che ogni donna potrà godere di una consulenza medica 24 ore su 24, di un’assistenza finanziaria per tutte le spese affrontate per gli esami ecografici supplementari e anche per i corsi di preparazione al parto. A questo si aggiunga un altro aspetto importantissimo e che rende vantaggiose ed interessanti questa tipologia di assicurazioni: le polizze sanitarie gravidanza prevedono assistenza anche nella delicata fase post parto.

Come scegliere la polizza sanitaria gravidanza

Quando si sceglie una polizza sanitaria tutte le donne dovrebbero accertarsi che siano incluse anche le spese per la gravidanza comprese quelle per il parto.

E’ bene accertarsi che siano comprese nella polizza le spese di ricovero per parto naturale e quelle per intervento e ricovero in caso di parto cesareo, che siano comprese le spese per l’eventuale permanenza del neonato nella baby room e nell’incubatrice, le spese relative agli esami clinici e strumentali per il neonato nei giorni immediatamente successivi al parto, (almeno un numero massimo di 3 visite specialistiche e di 3 ecografie nei 120 giorni precedenti al parto, cure e visite mediche e diagnostiche nei 120 giorni successivi al parto).
Alcune compagnie prevedono le cure al bambino fino all’età di un anno in caso di ricovero.

Quanto costa una polizza sanitaria famiglia

In media il costo di una polizza sanitaria sottoscritta da una famiglia di 4 persone può variare fra 1.300 e 2.000 € l’anno ma le offerte sono talmente tante che è bene valutare preventivi on line ed off line che talvolta prevedono interessanti sconti per famiglie numerose.

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli

1 Comment

  1. Io e mia moglie ultrasettantacinquenni che possibilità e tipo di assicurazione sanitaria potremmo stipulare?grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.