Assicurazione casa per Furto, Incendio, Terremoto e Calamità Naturali

house-148033_640

pubblico Dominio

La casa è il bene materiale più prezioso che abbiamo, è il luogo dove custodiamo e cresciamo la nostra famiglia, è frutto, quasi sempre, di sacrifici, di anni di risparmi, di mutui sulle spalle. E come tale va protetta.

Sono tanti e diversi gli eventi che possono distruggere questo bene. E che dunque possono seriamente compromettere la serenità famigliare.

Per questo è bene assicurare la nostra casa da tutta una serie di eventi che, a seconda dei casi, possono avere più o meno possibilità di accadere Quando si parla di polizza casa, ad esempio, è praticamente inevitabile parlare di incendio, uno degli eventi tra i più temuti perché capace di distruggere l’abitazione e ciò che contiene, di estendersi ad altri appartamenti e, soprattutto, di causare danni a persone ed animali oltre che a cose. Ma anche le calamità naturali sono purtroppo imprevedibili e non troppo rari. Ma come muoversi nei meandri delle assicurazioni sulla casa?

Assicurazione casa: che cos’è, cosa serve e cosa copre

Innanzitutto è bene dotarsi di alcuni dati relativi alla propria abitazione: indirizzo, metri quadri, anno di costruzione, eventuale presenza di impianto fotovoltaico, presenza di pertinenze. Con questi dati è già possibile farsi fare un preventivo dalle varie agenzie assicurative o dalle Poste. Gli esperti del settore ci faranno esempi e proposte per la tutela della nostra casa. Generalmente l’assicurazione della casa viene stipulata per incendio, furto, e responsabilità civile del capofamiglia. Incendio e furto assicurano da tutti i danni diretti che possono riguardare l’abitazione degli assicurati.

Un esempio può essere un danno provocato da un fulmine o, ovviamente, una rapina in casa. Per quel che concerne la responsabilità civile, questa riguarda eventuali danni arrecati ad altri. Un esempio: il bambino getta un oggetto dal terrazzo, l’oggetto colpisce un’auto e la danneggia, ecco che, se assicurati, sarà la polizza a coprire il danno causato. Ci sono poi le proposte multirischio che coprono furto, incendio, responsabilità civile capo famiglia.
Il valore dell’indennizzo è la cifra massima che l’assicurazione risarcisce in caso di furto o incendio indipendentemente dal massimale che è stato prescelto. Come in tutte le assicurazioni, anche nel caso di polizza sulla casa, c’è la franchigia, ossia una cifra che resta a carico dell’ assicurato, superata la quale interviene la polizza.
Il primo passo da compiere è dunque fare preventivi dalle diverse compagnie di assicurazione. Con la casa assicurata si dorme più tranquilli.

Nel momento in cui si decide di assicurare la propria abitazione è importante prendere in considerazione diversi aspetti, per evitare spese inutili, fregature, e per sottoscrivere una polizza più conveniente e su misura delle proprie esigenze.
Bisogna tener presente, per esempio, se la propria casa si trova in un centro abitato o più in periferia e quindi se è più o meno esposta agli agenti atmosferici, agli incendi. Se si tratta di una abitazione indipendente oppure se fa parte di un condominio. Importante anche sapere l’anno di costruzione, le caratteristiche costruttive, le possibili manutenzioni effettuate o da effettuare.

Solo dopo tutti questi accertamenti si può sottoscrivere una polizza in modo più consapevole, tra le varie possibilità presenti sul mercato. Al limite si può anche sottoscrivere una assicurazione che copre ogni tipo di rischio, dal furto all’incendio, dalla responsabilità civile all’azione degli agenti atmosferici imprevisti.
Infine è importante anche valutare le tariffe delle varie compagnie assicurative, per scegliere quella più vantaggiosa e più in linea con le proprie esigenze.

Tra le varie possibilità assicurative ricordiamo le polizze:
– Incendio all risks
– fenomeni atmosferici
– atti vandalici e dolosi
– furto contenuto
– furto preziosi
– responsabilità civile della famiglia
Vediamo voce per voce, caso per caso, evento per evento cosa inserire nella nostra polizza casa.

Assicurazione casa polizza condominiale

Se si è proprietari di un appartamento si è senz’altro a conoscenza della polizza condominiale. Si tratta di un contratto assicurativo che l’amministratore condominiale avvia, con o senza la consultazione dell’assemblea condominiale, a tutela sia degli spazi comuni che delle singole abitazioni private.

La polizza condominiale protegge e risarcisce eventuali danni che, generalmente, esulano dalla colpa dell’assicurato. Un esempio può essere la rottura di una tubazione che allaga un appartamento. Sarà l’assicurazione condominiale a farsene carico a meno che l’allagamento non sia, ad esempio, da imputarsi alla rottura di una tubazione ma a quella della lavatrice. In quel caso a pagare sarà il proprietario della “lavatrice colposa”. Per questo è bene assicurare la propria abitazione anche indipendentemente dalla polizza condominiale.

Assicurazione casa incendio

Generalmente quando si parla di incendio la garanzia va oltre ai soli “fuoco e fiamme” e la compagnia di assicurazione oltre a rimborsare i danni materiali e diretti dovuti ad incendi, ad esplosioni a scoppi ed a fumo rimborsa anche i danni causati da fulmini, tempeste, bufere, grandini, neve e talvolta anche da scioperi e tumulti.
La polizza incendio dunque è una polizza ampia che, ovviamente, a seconda della compagnia di assicurazione con la quale si stipula, può variare per quel che concerne i tipi di coperture. Ecco le più diffuse:

  • Incendio: è ovviamente la copertura principale e intende la combustione di beni materiali con presenza di fiamma che si può estendere o propagare.
    Un esempio è una pentola che prende fuoco e causa danni ai vostri mobili. In questo caso il danno è risarcito. Se però ci sono danni causati dal fuoco ma senza la presenza di fiamme, la copertura è assente. Un esempio può essere la sigaretta che fa la bruciatura sul vostro prezioso tappeto persiano. Non sarete risarciti.
  • Esplosione: quasi tutte le assicurazioni coprono questo evento. Un esempio è la fuga di gas che provoca l’esplosione non appena si accende la luce. Qualora sia presente cattiva manutenzione, presenza di ordigni o di apparecchi difettosi la copertura è assente.
  • Danni atmosferici: la pioggia, la grandine, la neve, le trombe d’aria, le tempeste, a volte sono presenti nelle polizze incendio. Purtroppo con la recente intensificazione dei disastri dovuti a fenomeni meteorologici tante compagnie assicurative tendono a omettere questa copertura.
  • Danni atmosferici elettrici: anche i fenomeni elettrici come le scariche, i danni causati dalla corrente possono essere inclusi in questo tipo di polizza. Quando è presente la cattiva manutenzione o manomissione la copertura è assente.
  • Danni da acqua: talvolta sono inclusi anche i danni causati dall’acqua: fuoriuscita di acqua dagli impianti di riscaldamento ad esempio. Qualora sia presente la colpa (ad esempio un rubinetto dimenticato aperto) la polizza non copre i danni.
  • Rottura lastre: talvolta è presente la copertura per la rottura di vetri, specchi o cristalli (è escluso il trasloco)

Prima di stipulare una polizza incendio, come per tutti gli altri tipi di assicurazione, è bene valutare le proprie esigenze. Nelle polizze stesse è richiesto che il fabbricato sia costruito con una determinata percentuale di materiali non combustibili. Se avete una baita in montagna tutta in legno, di certo dovrete stipulare un contratto con una garanzia particolare che, inevitabilmente, farà lievitare il premio.

Nella polizza incendio l’abitazione va assicurata per una somma che deve coincidere con il costo di ricostruzione dell’abitazione stessa. Un valore che non coincide con il prezzo di mercato dell’abitazione.
La somma da assicurare per il contenuto dell’abitazione deve corrispondere al valore dei beni contenuti e cambia a seconda si abbia stipulato una polizza a valore intero o a primo rischio assoluto. Vediamo nel dettaglio i due tipi di polizza.

Polizza casa incendio valore intero
in questo caso l’assicurazione copre in toto il valore delle cose contenute nell’abitazione. Un esempio: se assicurate per un valore di Eu 100.000 significa che in casa avete 100.000 eu di valore. In caso di incendio un perito verificherà cosa è rimasto e se il valore del residuo è maggiore di Eu 100.000 varrà il discorso della “regola proporzionale” ossia l’assicurazione risarcirà solo per la parte assicurata. E’ quindi opportuno assicurare l’effettivo valore degli oggetti presenti e non farsi ingolosire dal risparmio sul premio dichiarando un valore inferiore.

Polizza casa incendio primo rischio assoluto
in questo caso l’assicuratore copre i danni fino al massimale assicurato indipendentemente dal fatto che questo copra o meno il valore dei beni.

Polizza casa incendio valore a nuovo
con questa formula viene coperto il valore dei danni risarcendoli come nuovi.
Il mercato delle assicurazioni offre della assicurazioni alle famiglie che comprendono coperture abbastanza eterogenee: si tratta delle polizze multirischio che includono, in linea generale, diverse tipologie di garanzie e che quindi sono in grado di “coprire” più rischi: dai danni all’abitazione, eventuali richieste di risarcimento fatte ai componenti della famiglia, assistenza, tutela legale etc.

Assicurazione casa e famiglia

Quando ci rechiamo in una qualche agenzia di assicurazioni per stipulare una polizza di questo tipo veniamo “sommersi” dalle diverse coperture previste. Ma abbiamo davvero bisogno di tutto? E’ bene, prima di firmare un contratto di assicurazione casa e famiglia avere le idee chiare sulle proprie necessità onde evitare si sottoscrivere (e quindi pagare) per qualcosa che non accadrà mai.
Vediamo nel dettaglio le varie voci

La responsabilità civile
Questa polizza copre i danni provocati ad altri. I danni coperti sono ben previsti nel contratto, non esiste una polizza “copritutto” ossia in grado di coprire qualsiasi danno. La regola indispensabile perchè il danno sia risarcito dalla compagnia di assicurazione è che sia stato causato senza volontà né intenzionalità.

Generalmente la responsabilità civile copre

  • i danni a terzi ossia i danni provocati dall’assicurato e dai suoi famigliari a terzi non famigliari. In caso di figli minori i danni possono essere causati volontariamente
  • i danni all’abitazione ossia i danni causati dall’abitazione a terzi (ad esempio all’appartamento al piano sottostante) e all’abitazione stessa (ad esempio un incendio causato da un fornello).
  • incendio- la garanzia incendio non copre solo incendi dovuti a scoppi od esplosioni ma, generalmente, copre anche danni causati da fulmini ed altri eventi.
  • animali possono essere inclusi nella polizza.
  • cibi e bevande. La polizza per responsabilità civile può coprire i danni per alimenti preparati in casa dell’assicurato che abbiano danneggiato un ospite non famigliare. Un dente rotto o un intossicazione da cibo avariato. ad esempio.
  • attività sportive chi pratica, da dilettante, attività sportive può essere assicurato nella polizza responsabilità civile. Sono esclusi gli sport ritenuti periocolosi.
  • furto- spesso e volentieri viene proposta anche la clausola del furto con la quale l’assicuratore si impegna a risarcire furto, rapina o anche il tentato furto (quindi lo scasso della porta o della finestra). Qualora decidiate di optare per questa clausola è bene sottolineare che fotografare e fare stimare i beni di valore presenti nella vostra casa è un modo per agevolare eventuali risarcimenti del danno qualora si verificasse l’infausto evento del furto.

Massimale e franchigia
Il risarcimento del danno ha un limite ossia un massimale. Qualora il danno causato supera il massimale allora l’assicurato dovrà risponderne personalmente (per la sola differenza).
E’ doveroso precisare, ed è bene controllare prima di firmare il contratto, che alcuni tipi di danno prevedono una franchigia che in genere è assoluta ossia che viene scalata dall’importo quando eccede la cifra della franchigia.

Assicurazione casa furto

La polizza casa furto ci tutela da un evento spiacevole da cui , purtroppo, è molto difficile essere immuni. La casa contiene valori di tipo affettivo e materiale, oggetti che in caso di furto ci sarebbero portati via. E’ difficile proteggersi da questo evento; molto spesso la casa è incustodita: il lavoro, un viaggio, ma anche con la nostra presenza in casa, purtroppo, ladri e scassinatori possono procedere, in alcuni casi, al reato.
Possiamo tutelare i nostri beni con una polizza furto

Cos’è la polizza furto
Con un’assicurazione casa all inclusive, si può assicurare la copertura totale dei danni inclusi i danni provocati da incendi e malfunzionamento da impianti, tuttavia, le compagnie assicurative tendono ad offrire pacchetti specifici.
Con una polizza specifica furti si può essere risarciti per tutti i danni arrecati nella casa da parte di ladri o aggressori.
Il risarcimento dipende dai limiti assicurativi fissati in polizza. E’ bene precisare che il furto di gioielli e di somme di denaro non riguarda le clausole comprensive, ma va considerato a parte.

Le polizze assicurative per la casa possono essere estese anche per le case vacanza o per gli scippi e le rapine che avvengono all’esterno, nelle immediate vicinanze dell’immobile assicurato.

L’assicurazione casa furti copre anche i danni materiali causati dallo scasso:

  • i danni e i guasti causati dai ladri all’interno dell’abitazione, nonché agli infissi
  • i danni all’arredamento
  • le eventuali spese sostenute dall’assicurato per la duplicazione dei documenti personali rubati

Procedura per avere il risarcimento da furto
Per ottenere il risarcimento in caso di furto, occorre presentare la denuncia alle autorità di polizia,
fare la richiesta alla compagnia assicurativa ( con allegata copia della denuncia).

Polizza casa furti: tipi di furto coperti
Le tipologie di furto coperte dalla polizza furto sono:

  • furti con scasso e rottura
  • furti compiuti con chiavi false o chiavi smarrite o sottratte all’assicurato o ai suoi familiari; (in quest’ultimo caso la garanzia parte dal momento della denuncia di smarrimento, fino alle ore 24:00 del terzo giorno successivo);
  • furti con scalata, ovvero quando il rapinatore entra all’interno dell’appartamento per vie traverse a quelle ordinarie;
  • furti per introduzione clandestina
  • furto in presenza dell’assicurato o dei suoi familiari
  • furti compiuti da parte di collaboratori domestici
  • furti e rapine esercitate con minacce e violenza
  • furti e rapine di oggetti o capi di abbigliamento di valore.

Quando è opportuno stipulare una polizza furto

Le polizze casa contro i furti sono consigliate per tutte quelle abitazioni site in luoghi isolati, ma anche per gli appartamenti che sorgono nei grandi centri urbani particolarmente affollati.E’ una polizza che interessa un po’ tutti dunque.

Da chi può essere stipulata la polizza furti casa
La polizza assicurativa sulla casa contro i furti può essere stipulata sia dai proprietari di casa, sia dagli inquilini, ma in questo caso, la copertura ha una validità solamente per i beni materiali contenuti nei locali, dunque non interessa tutta l’intera abitazione.

Quanto costa la polizza furti

Il premio assicurativo della polizza furto viene calcolato sulla base di alcuni fattori:

  • la metratura dell’immobile
  • l’accatastamento dell’immobile
  • la provincia dove è sito
  • la tipologia di costruzione.

Una volta stabilito il valore da assicurare, in base a questi fattori, in caso di furto, la compagnia rimborserà l’intera somma di massimale, anche qualora il danno provocato all’immobile assicurato sia inferiore: in questo caso si parla di polizza a primo rischio assoluto, altrimenti si può optare per la polizza a massimale fisso.

Assicurazione contro il terremoto e le calamità naturali

Le polizze contro terremoto e le calamità naturali non sono obbligatorie, si tratta i polizze volontarie che permettono, a fronte del versamento di un premio annuo di ottenere un risarcimento pari al valore dei danni subiti in caso si verifichi uno degli eventi per i quali si è assicurati. E’ superfluo dire che nei territori in cui i questa tipologia di eventi sono molto frequenti, il costo della polizza è molto elevato.

L’assicurazione contro il terremoto e le calamità naturali: in cosa consiste
Sottoscrivere un’assicurazione contro il terremoto e calamità naturali consente di garantirsi il risarcimento dei danni all’immobile e di avere dunque un aiuto per un eventuale rimessa a nuovo della casa danneggiata. La polizza contro il terremoto e le calamità naturali consente di ottenere una somma pari al valore del danno con un risarcimento pari ad un tetto massimo stabilito.

Si tratta di una polizza a valore, in quanto prevede un rimborso dei danni quantificabile in base al territorio in cui è sita l’abitazione e in base a dei fattori variabili. Generalmente, le compagnie assicurative che offrono questo tipo di polizza garantiscono un rimborso per la ricostruzione, la sistemazione a nuovo o l’acquisto di un nuovo immobile.

L’assicurazione contro il terremoto e le calamità naturali cosa copre
L’assicurazione contro il terremoto e le calamità naturali risarcisce tutti i danni provocati da terremoti e calamità naturali, in base alle garanzie e alle clausole contrattuali stabilite in contratto, ma anche gli eventuali danni subiti da furti, rapine, che si sono verificati in quella circostanza, includendo l’assistenza legale e la responsabilità civile.

L’assicurazione terremoto e calamità naturali: calcolo risarcimento
Le cifre da rimborsare sono calcolate in base al primo rischio assoluto e, variano in base alle clausole sottoscritte, alle condizioni della compagnia assicuratrice, e alle caratteristiche principali dell’immobile e del territorio in cui sorge.

L’assicurazione contro il terremoto e calamità naturali: come scegliere?
L’assicurazione contro il terremoto e le calamità naturali consente di scegliere tra diverse tipologie di assicurazione, a seconda di quello che si desidera assicurare, alla location l’immobile – se si tratta di una zona a basso o alto rischio sisma – e al valore dell’abitazione.Si può quindi scegliere se:

  •  assicurare solo l’immobile;
  • assicurare l’immobile e il contenuto;
  • assicurare l’ immobile, il contenuto e i suoi occupanti.

Costo assicurazione contro il terremoto e calamità naturali
I fattori che abbiamo indicato (metri quadri, posizione immobile, compagnia assicurazione, tipologia di polizza) fanno variare il premio della polizza che generalmente è calcolato con delle tariffe al mq che si aggirano sulle 2,50 euro al metro quadro per le zone italiane a minor rischio sismico, e fino alle 3,50 – 4 euro per le zone ad alto rischio sismico. A questa somma deve essere aggiunto il costo del premio minimo di base.

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.