L’ assicurazione sanitaria

medic-563425_640

pubblico dominio

Cosa sono le polizze assicurative sanitarie

Una polizza sanitaria è una forma di assicurazione complementare atta a “compensare” l’assistenza fornita dal Sistema Sanitario Nazionale.

Non è un segreto che in Italia a fronte di prestazioni che vengono “passate” dal Sistema Sanitario ce ne sono altre che si devono pagare per intero. A ciò si aggiungano i tempi di attesa, le medicine che nella maggior parte dei casi si pagano, la mancanza di convenzioni per alcune tipologie di prestazioni. Ed ecco che purtroppo curarsi spesso diviene difficile perché troppo oneroso. A questo punto entrano in gioco le polizze sanitarie che, a fronte del pagamento di un premio, garantiscono la copertura delle spese di prestazioni, di medicine, di cure etc. Nei Paesi dove l’assistenza sanitaria non è prevista, un esempio su tutti gli Stati Uniti, queste polizze sono ovviamente molto diffuse poiché costituiscono l’unico modo di curarsi senza mettere mano al portafogli al momento del pagamento di una determinata prestazione (perché si è sottoscritta una polizza che garantisce il pagamento delle diverse prestazioni) .

La polizza salute può essere:

  • A indennità giornaliera per consentire di integrare il reddito che viene a mancare per l’impossibilità di lavorare. Questa polizza garantisce una somma di denaro per ogni giorno di convalescenza o di degenza.
  • A copertura completa e prevede, entro il limite stabilito dal massimale, un rimborso per tutti i costi sostenuti
  • Per interventi chirurgici e garantisce il rimborso in caso di interventi e ricoveri

Cosa coprono le assicurazioni sanitarie

Le polizze malattia coprono diverse spese relative alla salute, ovviamente tutto dipende dalla tipologia di polizza che si sottoscrive, dalla compagnia di assicurazione, dal premio che si versa. Generalmente le polizze sanitarie coprono:

  • Le spese di ricovero, di degenza, le cure, la fisioterapia e la riabilitazione;
  • Gli acquisti di medicinali durante il ricovero;
  • Gli accertamenti diagnostici legati a una malattia o a un infortunio
  • Prestazioni mediche chirurgiche
  • Controlli medici ed esami di laboratorio
  • Cure dentistiche ma solo conseguenti a gravi malattie ed infortuni
  • Interventi di chirurgia estetica o plastica conseguenti a gravi malattie o incidenti
  • Tutela legale
  • Fisioterapia
  • Acquisto di ausili medici e protesi
  • Prestazioni infermieristiche

Si possono aggiungere le seguenti prestazioni

  • Trapianti, spese di trasporto
  • Day hospital
  • Cure neonatali
  • Spese per parti
  • Consulti medici telefonici
  • Vaccinazioni
  • Check up periodici

Generalmente le polizze sanitarie non comprendono

  • cure dentarie (tranne qualche contratto che prevede l’ablazione del tartaro e, più in generale, gli interventi ai denti derivanti da infortuni e tumori maligni);
  • gli interventi estetici;
  • le cure dietologiche;
  • le correzioni di difetti fisici;
  • gli infortuni derivanti da abuso di alcol, stupefacenti, allucinogeni e psicofarmaci
  • Malattie causate da tossicodipendenza o alcolismo
  • Disagi psichiatrici
  • Visite pediatriche
  • Interventi non legati a motivi di salute
  • Aborto non terapeutico

E’ opportuno essere corretti e precisi nel compilare il questionario che generalmente viene richiesto quando si sottoscrive una polizza sanitaria, eventualmente è opportuno fare un colloquio con il proprio medico curante che potrà aiutarci ad ricordare ultimi accertamenti effettuati, eventuali malattie diagnosticate, pregresse malattie curate etc. Questo perché, anche se fatto involontariamente, un errore o un’omissione potrebbe comportare la perdita (totale o parziale) del diritto all’indennizzo.

Come trovare la polizza salute che fa al caso nostro

Attenzione alle clausole:
Alcune compagnie prevedono ancora limiti di età entro i quali stipulare la polizza (dai 55 ai 75 anni). In alcuni casi si rischia dunque di non avere la copertura proprio quando serve di più.

Occorre optare per compagnie che prevedono polizze con la formula a vita intera, ossia fino alla morte dell’assicurato.

Ci sono compagnie che prevedono una clausola di aggravamento del rischio. In sostanza l’assicurato deve comunicare immediatamente all’assicurazione qualsiasi fattore che faccia variare il suo rischio malattia (un aggravamento, una diagnosi infausta etc), e la compagnia avrà la possibilità di recedere entro un mese. Anche questa clausola è ovviamente da evitare.

Chi non può sottoscrivere una polizza salute

Sono previste determinate categorie di persone che non possono sottoscrivere una polizza salute: tossicodipendenti, malati di Hiv, alcolisti e, solo per alcune, per fortuna rare, compagnie di assicurazione, anche gli insulino-dipendenti, se lo si diventa in corso del contatto, l’assicurazione recederà e restituirà il premio versato al netto delle imposte.

Le polizze sanitarie dentistiche

Le cure dentali rientrano tra le cure più onerose, soprattutto per alcuni individui che, più di altri, devono sottoporsi periodicamente alla cura dei denti, Purtroppo avere denti sani, sfoggiare un bel sorriso non è una prerogativa di molti e così sempre più famiglie si ritrovano a sborsare ingenti somme dal dentista.

Quando si sottoscrive la polizza salute spesso le cure dentali non sono previste se non in misura “lieve” ossia con la previsione di visite di controllo periodiche e pulizia dei denti.
Per essere certi per lo meno di risparmiare occorre fare specifiche richieste alle diverse compagnie di assicurazione che propongono pacchetti appositi riservati alle cure odontoiatriche.
Generalmente a fronte della sottoscrizione di un pacchetto apposito si può avere una copertura parziale o totale delle spese sostenute per i denti.

Quanto costano le polizze sanitarie dentistiche
Le spese oscillano in media dalle 100 alle 250 euro annue ma vi è la possibilità di ottenere degli sconti per chi è già cliente. Talvolta la polizza per i bambini è gratuita se entrambi i genitori sono assicurati. Alcune compagnie assicurative danno la possibilità di scegliere tra più pacchetti che vanno da quello “base” che copre solo le visite periodiche e la pulizia dei denti a quello extra che copre anche i grandi interventi di implantologia.
Quasi tutte le compagnie assicurative si appoggiano a centri e studi dentistici convenzionati, è li che il contraente dovrà rivolgersi per ottenere le cure gratuite o scontate. Quando si parla di sconti (per le coperture parziali) questi generalmente non sono inferiori al 40 %. Alcune compagnie danno la possibilità di rimborso anche rivolgendosi al proprio dentista di fiducia.

Come scegliere la polizza sanitaria odontoiatrica
In linea di massima occorre optare per una polizza che copra le prestazioni più comuni ossia:

  • check-up;
  • visite di controllo periodiche;
  • ablazione del tartaro e pulizia dei denti;
  • radiografie e tele-radiografie;
  • estrazioni dei denti e delle radici.

E che offra vantaggiosi sconti per altre prestazioni non contemplate nell’elenco.

Se si hanno dei bambini è opportuno optare per polizze che offrano il rimborso per le spese necessarie a seguito di un infortunio e (i massimali arrivano anche a 5 mila euro) polizze che prevedano sconti o rimborsi totali per apparecchi dentali.

Se avete una famiglia numerosa considerate le polizze che prevede sconti in funzione del numero delle persone assicurate o appositi pacchetti famiglia.

L’ Assicurazione Enpam

L’ E.N.P.A.M. (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza Medici) è una fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato che attua la previdenza e l’assistenza a favore degli iscritti stessi e dei loro familiari e superstiti.

Chi può aderire alla polizza Enpam
Questa polizza è rivolta a tutti i medici, gli odontoiatri e i pensionati Enpam, senza limiti di età; la polizza si può estendere a tutti i familiari e vi è anche la possibilità di assicurare il solo coniuge o l’intero nucleo familiare.

Che cos’è la polizza Enpam e cosa copre
Si tratta di una polizza messa a punto dai medici per i medici. Tutte le patologie, infatti, sono state accuratamente selezionate da alcuni consiglieri dell’Enpam per definire il capitolato di gara per le compagnie assicurative.
Tra le novità è l’assenza dei limiti di età per l’iscritto e la possibilità di estendere le garanzie al solo coniuge (fino a 67 anni) o a tutti i componenti del nucleo familiare. Nella stipula della polizza 2015 è stata data una grande attenzione alle donne medico, a cui è assicurata l’assistenza alla maternità, prevista anche per le mogli in dolce attesa degli iscritti, alla medicina preventiva e alla non autosufficienza.

I moduli della polizza
La polizza prevede la compilazione di un modulo base nel quale rientrano gli eventi morbosi gravi, i grandi interventi chirurgici, l’alta diagnostica, l’assistenza alla maternità, le prevenzione dentale e gli screening preventivi anche in età pediatrica. Per gli interventi è prevista la copertura assicurativa anche nel caso in cui vengono fatti in day hospital.
La copertura base può essere integrata a scelta con l’aggiunta di tre moduli. Il primo modulo comprende tutti i ricoveri per intervento chirurgico o per malattia, il secondo modulo estende la copertura a tutte le cure specialistiche e infine il terzo comprende le cure odontoiatriche: il modulo base con i tre moduli aggiuntivi danno modo a ciascun assicurato di personalizzare le proprie tutele sanitarie considerando i rischi personali di ognuno.

La polizza può essere utilizzata in tre modi: con la rete di strutture convenzionate alle quali ci si può rivolgere senza pagare nulla; attraverso il Servizio sanitario nazionale, con il rimborso integrale del ticket, a cui, in caso di ricovero si può aggiungere un’indennità giornaliera di 130 euro.
Attraverso le strutture non convenzionate con il diritto a essere rimborsati, secondo la copertura prevista per le varie patologie e con la franchigia del caso.

Costi della polizza Enpam

I premi annui per ogni assicurato sono i seguenti:

Modulo base modulo 1 ricoveri modulo 2 specialistica modulo tre odontoiatria
fino 40 anni eu 337,5 2285 3315 4315
Dai 41 ai 59 anni eu 332 530,3 525 420
Dopo i 60 anni eu 819,6 522,50 735    490

 

Maternità e cure neonatali
Nel modulo base è compresa l’assistenza alla maternità: tutte le ecografie e le analisi chimiche da protocollo, tutte le visite ostetrico-ginecologiche di controllo, la visita post partum. Inoltre la copertura per gli interventi include il parto naturale e l’aborto (spontaneo o terapeutico) con un massimale di 10mila euro; per il parto cesareo il massimale è portato a 15mila euro. Il piano sanitario base include anche garanzie particolari nel caso di malformazioni congenite del neonato.

La non autosufficienza
La condizione di non autosufficienza viene valutata in modo scalare secondo una tabella a punti: con la somma di 40 punti si è considerati non autosufficienti e vi è la possibilità di far scattare la copertura assicurativa per le spese di assistenza.

Concludendo, è bene valutare la propria posizione personale prima di sottoscrivere un contratto per una polizza sanitaria, occorre vagliare le proprie esigenze e leggere bene tutte le clausole contrattuali, dopo ovviamente aver chiesto più preventivi a diverse compagnie esattamente come avviene per la rca, per la polizza vita, per la polizza casa.

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli

3 Comments

  1. Buona giornata …mi servirebbe una assicurazione che copre i grandi interventi è possibile farle
    io e mia moglie abbiamo 64 anni…..grazie

    cell ********

  2. Volevo sapere se posso fare un’assicurazione per sistemare i denti sia per estrarre e sia per nuovi

  3. Salve , io ho 35 anni, volevo sapere se posso fare una assicurazione per implantologia? Io praticamente ho da togliere tutti denti rimasti e rimettere, da poco sono andata a fare un preventivo e solo per la parte sotto mi hanno chiesto 13mille, e vorrei sapere se si può com’è funziona, può coprire la assicurazione o bisogna pagare uguale
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.