Pensione Integrativa e Previdenza Complementare

Con la pensione o previdenza integrativa si intende allacciare un contributo alternativo alla forma pensionistica pubblica attraverso un ammontare del 15%, onde garantire un assetto di vita comparato al precedente impostato durante la maturazione dell’età lavorativa.

Con l’attuale riforma si è reso perciò indispensabile autenticare l’integrazione, rendendola vincolante in maniera contrattuale per aumentare il rendimento della pensione stessa.

Fin da ora è compito di ogni lavoratore impegnarsi a visualizzare le offerte in merito, sulla base delle ambizioni individuali e per conto di quanto offerto dalle varie Aziende Assicurative e nello specifico dai Fondi Pensione.

All’uopo bisogna considerare gli strumenti previdenziali indetti alla negoziazione, che possono delinearsi per rendimento o impostazione, per fondo pensione e ancora per assicurazione pura o mista.

I Fondi Pensione e la Pensione Integrativa
In sintesi, nella suddivisione per categoria dei fondi pensione integrativi annoveriamo in primis i fondi contrattuali in senso stretto, con i quali si rileva il precedente accordo stipulato tra i sindacati e gli stessi datori di lavoro, posti all’ausilio di ogni particolare categoria di dipendenti onde elevarli alla stregua di un’unica grande compagnia ben rappresentata dagli stessi organi di amministrazione: tali fondi sono avviati senza scopo di lucro, rilevando costi assai contenuti e una procedura davvero semplice e malleabile, intervenendo di fatto con metodicità e sincronia tali da garantire un’assoluta sicurezza dell’atto.

Analogamente accade per la stipulazione dei fondi regionali, i quali però sono riservati esclusivamente ai residenti della stessa regione che ne ha avviato la gestione.

Sui fondi privati, invece, si nota l’intervento nel complessivo di appositi operatori finanziari, che possono essere compagnie d’assicurazione, banche, società di intermediazione mobiliare, società di gestione del risparmio e così via: si tratta in sintesi di una forma di pensione integrativa di tipo individuale, redatta per il singolo ma disposta per la collettività.

I fondi privati sono indetti a scopo di lucro e presentano costi alti, non assicurando per questo la totalità dell’atto.

I requisiti definiti si basano sull’età anagrafica e contributiva per ogni pensione Inps e un contributo al fondo da almeno 5 anni: è inoltre considerabile una disoccupazione di 48 mesi, verificatasi nei 5 anni precedenti l’età anagrafica atta alla stipulazione stessa.

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.