Polizze Assicurative contro Incendio

Eventuali sinistri sono rimborsabili anche qualora dipendano da calamità naturali come tempeste, grandini, vento, neve, e ancora esplosioni ed implosioni, scoppi e acqua condotta, precipitazioni di aerei e satelliti, fenomeni di tipo elettrico, atti vandalici e per particolari situazioni socio-politiche, riferite a scioperi e tumulti, guerre e manifestazioni in generale: solitamente sono esclusi da tale ordine terremoti, alluvioni e frane, soprattutto se la zona dell’ubicazione è considerata a rischio.

Un’assicurazione contro incendi consente un risarcimento della struttura in base ai costi di costruzione, escludendo un’estimazione del terreno edificabile, mentre il suo contenuto può supportare un indennizzo pari all’equivalente di quanto perduto nel disastro.

È indispensabile all’uopo considerare due tipi di polizze, l’una adibita al valore intero, onde garantire la completa copertura dei beni assicurati: lo schema di valutazione adottato, però, è riferito a una regola proporzionale di risarcimento, per cui la somma restituibile sarà pari alla sotto-assicurazione prevista.

Diversamente avviene per le assicurazioni a primo rischio assoluto, dove la somma pattuita riflette l’intero ammontare della cosa danneggiata, ma stando ai preventivi di base la prima applicazione risulta senz’altro più vantaggiosa in termini tassativi.

Una polizza incendio è rivolta a tutti i soggetti che dispongano di un’abitazione, anche in affitto, che si tratti di una struttura privata o un appartamento: quest’ultimo può contare anche su una comune polizza globale fabbricato inerente all’intero condominio.

All’accensione dell’assicurazione è importante l’analisi dell’intera casistica da escludere, ad esempio i danni provocati da dolo o colpe gravi, in modo da evitare soluzioni garantistiche invero inappropriate alle esigenze dichiarate: è bene appurare anche l’esistenza di franchigie, che di fatto limitano le spese premiali.

Sono proponibili nondimeno stipulazioni per ricorso a terzi, volti a salvaguardare situazioni di danneggiamento sui vicini.

Una distinzione fondamentale va inoltre fatta tra condizioni a rischio derivanti dalla proprietà dell’immobile e quelle rivolte alla sola conduzione del locale, che invero potrebbero interessare due pratiche differenti, lasciando la vostra polizza scoperta da un lato: una previa documentazione della proposta assicurativa può lacerare ogni dubbio al fine di garantire la giusta copertura

La denuncia del sinistro è avanzabile entro tre giorni dall’accaduto, munita di una descrizione accurata della vicenda da inoltrare alla compagnia assicurativa: sono utili a tal proposito eventuali testimonianze probatorie, come foto o e dichiarazione d’intervento dell’autorità pubblica.
È possibile in qualunque momento ottenere il diritto al recesso.

Potrebbero interessarti anche questi altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.